fbpx
19/08/2022

La tradizione lascia spazio all’innovazione

L’affidabilità e la resistenza degli impianti fotovoltaici è un fattore essenziale, soprattutto in momento storico come questo in cui le manifestazioni climatiche estreme sono sempre maggiori in numero e intensità.

Negli ultimi anni sono emerse numerose problematiche legate alla scarsa qualità dei materiali utilizzati per la realizzazione di alcuni componenti dell’impianto. Scarsa qualità soprattutto delle componenti in alluminio dovuta alla volontà di ridurre sempre di più il costo al Kw dell’impianto.

Cercare di abbassare i costi per il cliente finale ha come conseguenza diretta quella di un più veloce deterioramento delle componenti e quindi una maggiore necessità di effettuare interventi di manutenzione dell’impianto.

La garanzia della qualità è cruciale per ridurre i costi della produzione energetica e contribuisce a garantire la stabilità delle performances. Danni sui componenti possono infatti portare alla riduzione di vita di un impianto anche di diversi anni.

 

L’utilizzo delle barre per la resistenza dell’impianto

Sono molte le aziende che suggeriscono l’utilizzo delle barre per aumentare la resa e la stabilità dell’impianto fotovoltaico, barre che anche noi di Sun Ballast avevamo scelto di utilizzare per poi dismetterle.

La scelta è stata frutto di attente valutazioni che vi riportiamo di seguito.

Per riuscire ad ottenere un risultato realmente tangibile dall’utilizzo delle barre è necessario che queste siano realizzate tenendo conto di diversi fattori:

1 – Elevata qualità dei materiali utilizzati per la realizzazione

2 – Dimensioni maggiori che riescano a sopportare le sollecitazioni esterne

3 – Realizzazione di verifiche strutturali che ne garantiscano la resistenza

Tutti elementi tanto necessari quanto difficili da realizzare, se non con un aumento eccessivo dei costi.

La resistenza strutturale infatti, se non verificata, non garantisce la durabilità delle barre nel tempo.

Lo stesso discorso è da farsi per quanto riguarda la qualità dei materiali utilizzati per la realizzazione degli accessori che, se non di fascia elevata, rischiano di arrugginirsi e danneggiare l’impianto. Anche la dimensione è un fattore cruciale, le barre dovrebbero avere delle misure nettamente superiori rispetto a quelle utilizzate

Ma produrre barre con materiali di qualità elevata o di dimensioni nettamente maggiori, significa anche aumentare considerevolmente i costi di produzione che poi si riversano sul cliente finale.

Prima di maturare la decisione di non proporre più l’utilizzo delle barre per massimizzare la resistenza dell’impianto, abbiamo analizzato e verificato l’effettiva stabilità tramite specifici test.

Dalle prove effettuate in galleria del vento si è registrato un aumento effettivo della resistenza al vento dell’impianto inferiore al 5%, un aumento di resistenza che non giustifica i costi di realizzazione e nemmeno le tempistiche che richiederebbe effettuare i corretti calcoli strutturali.

Resistenza certificata e massimizzata con Cablowind

Per questo motivo è stato introdotto Cablowind ossia la canala in cemento disponibile in tre misure che zavorra ulteriormente l’impianto fotovoltaico. Cablowind è l’accessorio Sun Ballast a doppia funzione: aumentare e massimizzare la resistenza al vento dell’intero impianto fotovoltaico e permettere un corretto alloggio dei cavi, per evitare che questi siano soggetti alle sollecitazioni esterne, tenendo un impianto pulito e ordinato.

Cablowind, come è possibile vedere dal video, viene installato sul retro della zavorra, già forata, tramite l’utilizzo di apposita staffa realizzata in zinco magnelis, un materiale altamente resistente (molto più dell’alluminio) agli agenti atmosferici.

Inoltre la canala, interamente realizzata in cemento, non subisce variazioni con il passare degli anni, e come tutte le zavorre Sun Ballast è garantita fino a 25 anni.

Oltre ad assolvere alla mera funzione di collegamento delle zavorre, come la barra, Cablowind ha anche una funzione dal punto di vista statico dal momento che con il suo inserimento sulle zavorre è stato possibile registrare un effettivo aumento della resistenza dell’intero impianto grazie alle prove di fluidodinamica a cui il componente è stato sottoposto.

Un’ulteriore differenza tra le barre e Cablowind è la tipologia di peso, il peso inserito sulle barre era una tipologia di peso puntuale che andava quindi a caricare un punto specifico sulla copertura, il peso invece di Cablowind viene ben distribuito e non va quindi a caricare in modo eccessivo un unico punto sulla copertura.

 

Barre Vs Cablowin

In definitiva dopo attenti calcoli e valutazioni che potete consultare di seguito, siamo giunti alla conclusione che, al netto di tutti i vantaggi e le obiezioni, valutando unicamente il fattore costi/benefici è risultato che: a parità di resistenza al vento, il costo al Kw di un impianto. realizzato utilizzando Cablowind è nettamente inferiore rispetto ad un impianto realizzato con l’utilizzo di barre. E non solo, la resistenza dell’impianto che deriva dall’utilizzo di Cablowind è significativamente maggiore rispetto ad un impianto realizzato tramite barre.

Richiedi ora un

Preventivo Personalizzato

compila il modulo

Hai bisogno di

Assistenza Tecnica?

CONTATTACI SUBITO